Diritto d’autore e diritti connessi nella società dell’informazione

Esenzione dal pagamento del prelievo per copia privata

CGUE, 22.9.2016, Causa C-110/15

La Corte di Giustizia con la sentenza in commento –  condividendo l’opzione interpretativa proposta dinanzi agli organi giurisdizionali nazionali dalle società ricorrenti in ordine alla incompatibilità dell’art. 71-sexies della LDA italiana in combinato disposto con l’art. 4 dell’allegato tecnico, con l’art. 5, par. 2 della direttiva 2001/29 –, pronunciandosi in via pregiudiziale, ha affermato che  “Il diritto dell’Unione europea, in particolare l’articolo 5, paragrafo 2, lettera b), della direttiva 2001/29/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 maggio 2001, sull’armonizzazione di taluni aspetti del diritto d’autore e dei diritti connessi nella società dell’informazione, dev’essere interpretato nel senso che esso osta a una normativa nazionale, come quella di cui trattasi nel procedimento principale, la quale, da un lato, subordini l’esenzione dal pagamento del prelievo per copia privata in capo ai produttori e agli importatori di apparecchi e di supporti destinati a un uso manifestamente estraneo alla copia privata alla conclusione di accordi tra un ente, titolare di un monopolio legale della rappresentanza degli interessi degli autori delle opere, e i debitori del compenso o le loro associazioni di categoria, e che, dall’altro lato, stabilisca che il rimborso di detto prelievo, ove questo sia stato indebitamente versato, può essere chiesto solo dall’utente finale di tali apparecchi e supporti”.

(Nota redazionale LCA-amm)

CGUE sentenza copia privata 22.9.2016